Cerca

Firenze
Via vittorio emanuele ii, 4

Artgarden

Artgarden
Firenze, Via vittorio emanuele ii, 4 dal 23/06/2016 fino al 30/06/2016

Attenzione! Evento terminato!

Artgarden
H 19/21.30
Giardino dell’Orticultura
via Vittorio Emanuele II, 4
Firenze


Il Progetto nasce dall’idea di impreziosire il Giardino dell’Orticoltura attraverso un connubio di suoni, colori e immagini, una contaminazione acustica e visiva per permettere l'incontro tra ambiente naturale e opera d'arte. La collettiva ha come fulcro centrale l'idea di vivere l'arte nella natura, con le piante e il verde del giardino a fare da cornice ideale per le opere, lasciando al visitatore il piacere di un tuffo in un ambiente rilassante per il corpo e stimolante per la mente. Ogni giovedì ad accompagnare le opere saranno presentate delle performance di danza/teatro.
23 Giugno

Opere:
L’ anima segreta delle piante di Rita Pedullà
Sono fatte d'aria, d'erbe, di luci, d'acqua, di fiori e foglie e terra. Suonano, ascoltano, riposano, siedono, contemplano. Emerse da un fruscio di vento, da un profumo, da un raggio di sole, da uno specchio d'acqua, dall'ombra di un albero, si distendono sulle tele, attraverso il pennello in tocchi lievi ma densi e vibranti. Callisto, Dafne, Euridice, Flora, Galatea, Cerere, donne, ninfe dai lunghi capelli e dalla pelle diafana, in silenzio ci chiedono di ascoltarle e ci restituiscono la dimensione dimenticata di una natura pura.

Daphne di Daniele Bosica
Daphne è la prima di una serie di sculture, un progetto che reinterpreta i grandi classici della scultura antica, rivisitati in una chiave stilistica diversa e semplificata.

Performance
GOCCIOLE E FOGLIE LONTANE
Letture di Rosanna Gentili, interventi musicali a cura di Irene Lodone (flauto e viella)
30 giugno

Opere :
Innocenza di Melissa Roedan
Eco di Elena Bottari

Performance THISACCORDO
DANZA: Sara Campinoti, Elisa Capecchi
MUSICA: Stefano Aiolli

THISACCORDO
Un’indagine sulla relazione tra due linguaggi diversi. Due danzatrici e un musicista tentano usando i propri strumenti, il corpo e un violoncello, di accordarsi tra loro per instaurare una comunicazione tramite dialoghi più o meno strutturati.
È il primo esperimento di un progetto che ha come elemento cardine lo scambio di proposte tra due voci diverse in cui il disaccordo e il dissenso sono il motore di una conversazione ricca e costruttiva.

Mappa e posizione dell'evento

Chiedi info a ASSOCIAZIONE HEYART su questo evento

Campi obbligatori *