Cerca

Il sesso al tempo dei romani

Il sesso al tempo dei romani

Nell'ambito della avventura guidata a Pompei, non si può prescindere dal passare per il suo luogo più trasgressivo, tuttavia, la prostituzione a quel tempo era considerata un fatto del tutto normale. A differenza dei giorni nostri, la società romana non giudicava negativamente chi decideva di recarsi in un bordello; anche se è risaputo che qualche patrizio, per non farsi riconoscere, si camuffava con vari espedienti.
Nel lupanare le prostitute, per lo più schiave greche e orientali, esercitavano la loro professione pagate tra i due e gli otto assi (una coppa di vino ne costava uno). Quindi la prostituzione era regolamentata, non per ragioni morali, quanto per il profitto. Infatti anche gli uomini romani di più alto status sociale erano liberi d’impegnarsi in incontri con persone che esercitavano la prostituzione, sia femmine che maschi, senza alcun pericolo d’incorrere nella disapprovazione morale. Era importante, però, mostrare moderazione e autocontrollo.

Le prostitute si dovevano registrare con il proprio nome, l’età, il luogo di nascita e lo pseudonimo con il quale potevano esercitare. La prostituzione veniva praticata da entrambi i sessi, anche se le fonti affermano che quella femminile era quella più diffusa. Se però da una parte chi frequentava i bordelli non veniva giudicato come immorale, dall’altra le prostitute cadevano nella vergogna sociale. Una prostituta si poteva riconoscere dalla toga che indossava, capo che era prerogativa dei maschi romani, mentre le prostitute di bassa estrazione sociale tendevano a mostrarsi quasi del tutto nude di fronte al proprio cliente.

I “luoghi operativi”, i postriboli erano chiamati Lupanari (dal latino lupa=prostituta), veri e propri luoghi dedicati al piacere sessuale, quelli che oggi noi chiameremmo bordelli o “case chiuse”. La maggior parte dei lupanari erano composti da una singola camera, dove vi era situato un letto provvisto di materasso, unico ornamento delle camere erano le pitture murali a sfondo erotico, mentre sulla porta della camera vi era scritto il nome della prostituta ed al suo interno e il tariffario.
All’entrata si potevano acquistare i preservativi, intestini essiccati di pecora che avevano la funzione di evitare la trasmissione di malattie veneree. Infatti parte della dotazione dei soldati romani impegnati nelle lontane e lunghe campagne militari, per evitare che questi contraessero malattie veneree capaci di decimare eserciti interi.

Le Spintriae, infine, erano dei particolari gettoni romani, usati in genere per pagamenti all’interno di un lupanare, le case d’appuntamento romane. Questi gettoni, coniati in ottone o bronzo con le dimensioni di una moneta da 50 centesimi di euro, erano utilizzati per pagare le prestazioni sessuali delle prostitute. Su un lato vi era la rappresentazione delle scene (coito o fellatio), mentre sull’altro i numeri da I a XVI. In alcune spintriae si trova a volte impressa la lettera “A”, probabilmente ad indicare il costo delle prestazioni in assi. Molti di questi particolari gettoni vengono spesso rinvenuti nel corso degli scavi archeologici, soprattutto nelle vicinanze dei Lupanari.

Il tour degli Scavi di Pompei è un’esperienza unica…



Mappa e posizione dell'evento

Come contattare Naples and Italy

Chiedi info via email a Naples and Italy

Campi obbligatori *